Il 15 Novembre parte la Scuola di Alta Formazione per Operatori Legali di ASGI

PERCHÉ UNA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE?

La scuola mira a formare la figura dell’operatore legale specializzato nella tutela dei cittadini stranieri che chiedono o ai quali è stata riconosciuta una forma di protezione internazionale o umanitaria. Si tratta di una figura in Italia sostanzialmente innovativa, che non ha ancora ottenuto un suo riconoscimento formale, ma che da più parti è considerata fondamentale nel settore in esame.
In tal senso, appare significativa la descrizione contenuta nel manuale operativo sviluppato dal Servizio Centrale del Sistema di Protezione per richiedenti Asilo e Rifugiati in collaborazione con l’ANCI e con il Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione (pag. 43) che ne delinea le caratteristiche principali e ne evidenzia la grande utilità:

“Tra le attività che vanno a comporre la cosiddetta “accoglienza integrata”, particolare rilievo assumono le azioni di sostegno legale, relative alla procedura per il riconoscimento della protezione internazionale. (…) l’operatore legale non deve essere necessariamente un avvocato. È, infatti, sufficiente che a ricoprire tale ruolo ci sia una persona esperta in materia di diritto di asilo e che soprattutto sia in grado di orientare, informare, assistere il beneficiario (…)”.

A questa figura professionale si richiedono, dunque, una vasta gamma di competenze interdisciplinari, che spaziano da una accurata conoscenza della normativa nazionale e internazionale di riferimento, a una buona padronanza dell’attuale quadro geo-politico; o ancora, da una dimestichezza di base con le principali nozioni di medicina legale a una spiccata capacità di costruzione della rete territoriale necessaria per assicurare la massima tutela al destinatario del servizio, nonché competenze relazionali ed antropologiche relative alla mediazione culturale.

Per saperne di più:
Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione
Brochure del corso
Presentazione del corso e calendario lezioni

Tweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on FacebookEmail this to someone
Nessun commento a questo articolo.

Lascia un commento